Il gas intestinale non è qualcosa di cui alla gente piaccia parlare e ci sono molte domande, miti e credenze su questo tema. Ma la verità è che tutti noi abbiamo normali gas intestinali e in qualche modo dobbiamo eliminare. Normalmente, il gas viene rimosso per via orale (flatus orale o eruttazione) e rettale (flatus anale). Entrambi sono normali funzioni digestive necessarie per consentire l’eliminazione dei gas intestinali.

Alcune patologie possono realmente causare eccessivi gas intestinali. A sua volta, quando il gas intestinale non è facilmente rimosso, si accumula in qualche parte del tubo digerente, causando disagio e gonfiore addominale. A volte, alcune persone possono essere più sensibili alla presenza di gas intestinali e sentono come una sensazione sgradevole. Mentre il gas intestinale di solito non è un segno di problema di salute, a volte lo è. Quindi, se avete o eccessiva flatulenza persistente, comunicatelo con il medico. Se si presenta anche altri disturbi fisici come dolori addominali, diarrea, perdita di peso, assicurarsi di consultare il medico.

Come si fa a generare gas intestinali?

Il gas a livello intestinale superiore (stomaco) è generato da una normale o involontaria deglutizione dell’aria ambiente (aerofagia). Ogni volta che inghiottiamo del cibo (o saliva), l’aria entra anche nello stomaco. Il gas nello stomaco entra nel piccolo intestino, in cui gran parte viene assorbita, una piccola frazione può raggiungere l’intestino crasso (colon).

In alcune persone, alcuni dei gas nello stomaco viene rimosso attraverso la bocca (flatus) invece di passare nel piccolo intestino. Questo può essere più o meno frequente e si verifica per diversi motivi. In alcune situazioni si ha un immissione di aria esagerata: le gomme, il fumo, sinusite, stress, mangiare troppo in fretta, bere con anidride carbonica (bevande analcoliche).

Un’altra causa di forte  può essere l’insorgenza di infiammazioni dello stomaco (gastrite). Ci sono molte cause di gastrite, la più frequente infezione da un batterio chiamato Helicobacter pylori. Quando i batteri infettano lo stomaco, possono provocare flatulenza. Questa condizione può essere diagnosticata  da uno specialista (gastroenterologo), che può eseguire i test diagnostici e può indicare un piano di trattamento.

L’unica parte dove il gas è normalmente prodotto nell’intestino è il colon (intestino crasso). Questo avviene per la normale presenza di batteri del colon, che vivono con noi fin dalla nascita. Essi sono batteri “buoni” e ci proteggono dalle malattie. Tuttavia, questi batteri usano come cibo le sostanze nutritive che non vengono assorbite a livello intestinale (rifiuti). In questo processo, i batteri generano un sacco di gas nel colon che non ha odore (idrogeno, metano, ossigeno, anidride carbonica). Parte di questo gas si diffonde nel sangue normalmente e il resto è eliminato attraverso l’ano. Una piccola frazione di questi gas sono i cattivi odori (solfato di gas) e la sua presenza e l’intensità varia da persona a persona e può essere collegato al tipo di cibo mangiato.

Quali alimenti causano gas intestinali?

La maggior parte dei cibi contenenti carboidrati (zuccheri) può produrre gas nel colon. Grassi e proteine normalmente non generano gas.

Zuccheri:

  • Raffinato, uno zucchero complesso che si trova soprattutto nei legumi (fagioli ad esempio), piccole quantità sono presenti nei cavolini di Bruxelles, broccoli, asparagi, verdure e cereali integrali.
  • Il fruttosio, è presente in cipolle, carciofi, pere e grano. È usato per dolcificare bevande e alcuni succhi di frutta.
  • Il sorbitolo è uno zucchero presente nella frutta, mele, pere, pesche, prugne. Viene anche usato come dolcificante artificiale in molti alimenti dietetici, caramelle e gomme senza zucchero.
  • Il lattosio è lo zucchero principale e latticini prodotti lattiero-caseari. Una percentuale significativa della popolazione adulta non assorbe lattosio correttamente e si può verificare gas anale associata a tensione addominale, dolore addominale e talvolta diarrea.

Amido:

La maggior parte dei cibi amidacei (patate, mais, pasta, pasta, grano) producono gas nel colon,sono scarsamente assorbiti e utilizzati dai batteri. Il riso è l’unico grano ricco di amido che non genera gas.

Fibra:

La fibra alimentare è un elemento importante nella dieta per mantenere un normale transito intestinale ed evitare stitichezza. molti alimenti vegetali contengono sia fibra insolubile e che solubile. dissolversi rapidamente le fibre solubili in acqua e formano un gel nell’intestino morbido (come gelatina), la maggior parte della frutta e dei legumi sono ricchi di fibra solubile. Questa fibra raggiunge il colon e può generare gas durante la digestione. D’altra parte, la fibra insolubile passa attraverso l’intestino senza essere in gran parte modificato e produce meno gas nel colon. crusca di frumento e alcune verdure contengono questo tipo di fibre.

Punti importanti da ricordare:

  • Ogni individuo ha del gas nel tubo digerente.
  • Normale eliminazione dei gas intestinali avviene per anno o per bocca
  • Il gas intestinale si ha in due modi: l’aria di deglutizione e la presenza di batteri nel colon chiamato saprofiti, che di solito vivono lì senza causare la malattia, e servono a degradare alcuni resti di cibo mangiato.
  • Molti alimenti che contengono carboidrati possono causare gas. Grassi e proteine normalmente producono meno gas.

Gli alimenti che possono causare più gas comprendono:

  • Leguminose (in particolare fagioli).
  • Verdure come broccolli, cavoli, cavolfiori, cavoli di Bruxelles, cipolle, carciofi e asparagi.
  • Frutta come mele, pere, pesche (la frutta cotta da meno flatulenza).
  • I cereali integrali
  • Fantasia di frutta o bevande commerciali.
  • Latte e prodotti caseari come il formaggio, il latte, gelato, cibi elaborati con il lattosio.
  • Gli alimenti che contengono sorbitolo, come alimenti dietetici, gomme da masticare, caramelle senza zucchero.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *