Il primo accorgimento per riconoscere un pesce fresco è quello di non acquistare mai un pesce senza la testa. Diffidate anche se la testa c’è ma è macchiata di sangue. Succede spesso in pesci come sarde,sgombri o alici, questo perchè essendo pesci delicati sono più soggetti a un rapido deterioramento. Il vero pesce fresco può essere considerato tale se pescato la notte o al massimo il giorno prima.

Un’altra buona regola è quella di acquistare pesci eviscerati o surgelati, perchè nel ventre possono annidarsi batteri e germi. Quando andiamo ad acquistare un pesce in pescheria dobbiamo aguzzare bene i sensi. Soprattutto tre: Vista, olfatto e tatto.

  • LA VISTA: Guardate il pesce con attenzione. Gli occhi devono essere lucidi,vivaci, sporgenti e con la cornea trasparente. Se invece vediamo occhi vitrei, affossati e ricoperti da una patina bianca, diffidate. Le branchie devono risultare rosse e umide. Se invece troviamo banchie color marroncino, diffidate, il pesce non è fresco. La pelle deve risultare di color vivo, argenteo quasi metallico. Se la pelle dovesse risultare opaca e con striature gialle lasciate perdere.
  • L’OLFATTO: L’indice di freschezza è l’odore tenue di alghe marine, del mare e della salsedine. Nello specifico elenchiamo per ogni tipologia di Famiglia le proprie qualità di freschezza.

Cefalopodi: (calamari,seppie,moscardini,polpi). Vanno sempre comprati interi mai sezionati. Quelli freschi hanno la pelle di aspetto madreperlaceo, con le ventose ben aderenti ai tentacoli. La pelle se ingiallita è indice di un prodotto non fresco

Crostacei: (aragoste,astici). Vanno acquistati vivi se si vuole essere sicuri al 100%. Se morti devono presentare un color rosso vivace sulla corazza, una superficie dura e compatta e un buon profumo di mare. Acquistate crostacei sgusciati, o senza testa, solo se surgelati!.

Molluschi: (ostriche,cozze,vongole). Vanno acquistati rigorosamente vivi, in sacchetti che per obbligo di legge devono essere etichettati, con un bollo che ne certifichi il loro passaggio in un centro di depurazione. Questa etichettatura è obbligatoria anche sul pesce surgelato o congelato. Deve indicare la zona di cattura, la data di scadenza e il metodo di produzione (allevamento o pescato).

  • IL TATTO: Il tatto è forse il senso principale per riconoscere un pesce fresco. Questo perchè solitamente sui banchi del supermercato o delle pescherie troviamo il pesce contornato da ghiaccio, luci forti e irrorato da spruzzi d’acqua. Questo può ingannare la vista, ma con il tatto non vi sbaglierete. Il pesce fresco infatti ha una carne solida ed elastica. Se si preme con un dito, potete capire che è fresco se riprende subito la forma originaria; se invece rimane l’impronta del dito, cercate altrove. Un’altra caratteristica sono le squame: devono essere ben aderenti al corpo. L’ultima prova del nove è immergere il pesce in una bacinella d’aqcua: se il pesce galleggerà, vorrà dire che è fresco, se andrà invece a fondo è sintomo che il pesce non è fresco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *